Pochette in promozione!

Acquista ora

Spedizione gratuita in UE/UK da €150

Vedi dettagli

Cerca nel nostro sito Change Country

Una breve storia delle sciarpe di seta e della produzione della seta

Secondo la leggenda, la produzione della seta iniziò casualmente. La storia afferma che nel 27 ° secolo aC un'imperatrice cinese fece cadere un bozzolo di seta nella sua tazza di tè. Mentre recuperava il bozzolo dalla tazza, si aprì in un filo scintillante. L'imperatrice, incantata dalla bellezza grezza del filo, fece creare un telaio in modo che la seta potesse essere tessuta in un tessuto.

Nessuno saprà mai se questa storia è verità o mito, ma sappiamo che in quel periodo i cinesi iniziarono a coltivare bachi da seta e produrre seta come tessuto.

Inizialmente, la seta era un lusso. Solo l'imperatore e la sua corte potevano indossare abiti di seta. In poco tempo, però, la sericoltura (la coltivazione dei bachi da seta e la produzione della fibra di seta) si diffuse in tutto l'impero. La seta veniva tessuta per vestiti, lenze da pesca, corde per archi, carta straccia e strumenti musicali. La seta è diventata una forma di valuta. I contadini pagavano le tasse con la seta. I servi venivano pagati in seta. La seta è diventata una merce importante nel commercio cinese.

Per quasi 3000 anni gli imperatori della Cina, al fine di mantenere il monopolio sulla sericoltura, si sono sforzati di mantenerlo segreto agli altri paesi. Ciò ebbe quasi sempre successo, anche se i coloni cinesi portarono la sericoltura in Corea e Giappone intorno al 200 a.C. e nel 300 d.C. l'India produceva seta.

Una mummia egizia risalente al 1070 aC mostra prove di antichi commerci di seta. All'inizio, il commercio si svolgeva con i paesi vicini, ma col passare del tempo, più regioni ottennero l'accesso alla seta, fino a quando non si diffuse fino al Nord Africa e all'Europa occidentale, creando quella che è conosciuta come la Via della Seta.

Ci volle fino al VI secolo d.C. prima che il mondo occidentale iniziasse la produzione della seta, quando l'imperatore romano Giustiniano inviò due monaci in Asia. Quando i monaci tornarono a Costantinopoli, nascosero le uova di baco da seta e le foglie di gelso nelle loro canne. Così, i bizantini ora potevano iniziare la produzione della seta.

Bisanzio era determinata quanto la Cina a mantenere il monopolio sul commercio della seta. Tessitori e telai non erano ammessi al di fuori del Palazzo Imperiale e il loro tessuto era indossato quasi esclusivamente da leader politici e militari. Quella poca seta che non indossavano veniva venduta a prezzi esorbitanti. La coltivazione della seta si diffuse poi in tutta l'Asia Minore e in Grecia.

Nel 7 ° secolo, gli arabi conquistarono i persiani e, con loro, le magnifiche sete persiane. Gli arabi diffusero la seta in tutta l'Africa, la Spagna e la Sicilia mentre ampliavano il loro impero. I viaggi di Marco Polo in Cina, i Crociati e la formazione dell'Impero mongolo portarono a uno sviluppo ancora maggiore del commercio della seta tra Oriente e Occidente.

Nel 12 ° secolo, l'Italia divenne la capitale della seta del mondo occidentale, grazie ai mercanti veneziani. Attualmente, la maggior parte della seta italiana viene prodotta nel nord Italia vicino alla città di Como, dove vengono piantati gli alberi di gelso bianco per i bachi da seta.

Nel XV secolo, il re Francois I iniziò un monopolio della produzione di seta a Lione, in Francia, che sfidò la leadership italiana nella produzione di seta.Nel 15, però, Luigi XIV annullò l'editto di Nantes, che aveva concesso ai protestanti (ugonotti) una serie di diritti in Francia. Molti ugonotti erano tessitori tessili e fuggirono dalla Francia fondando fabbriche di seta in Gran Bretagna, Germania e Svizzera.

Il baco da seta, tuttavia, non è fiorito in questi climi freddi, né è mai andato bene negli Stati Uniti. Nel 1804, Joseph-Marie Jacquard sviluppò un telaio complesso che intrecciava complicati motivi floreali o figurati su uno sfondo più semplice. Questa trama è ancora molto desiderabile e costosa.

Il re Giacomo I introdusse la coltivazione della seta nelle colonie americane intorno al 1619, ma solo gli Shaker del Kentucky adottarono il processo e non divenne un'industria. Nel 1800 iniziò un nuovo sforzo per produrre seta negli Stati Uniti nel New Jersey con tessitori nati in Europa e nel 1810 fu fondata la prima fabbrica di seta negli Stati Uniti. Gli alti dazi contro i tessuti importati durante la guerra civile americana e l'inizio del telaio elettrico hanno permesso un periodo di crescita dell'industria della tessitura della seta negli Stati Uniti. La seta stessa era prodotta principalmente in Cina, Giappone e, in misura minore, Francia e Italia.

Il XX secolo ha segnato l'inizio di una nuova era nella lavorazione dei tessuti. Ora, l'uomo ha iniziato a creare fibre. Queste fibre artificiali divennero rapidamente economiche da produrre e distribuire. La produzione di fibre naturali, come la seta, iniziò a diminuire.

La seconda guerra mondiale ha avuto un enorme effetto sulla produzione della seta. Le forniture di seta grezza del Giappone furono interrotte dai paesi alleati e il prezzo della seta aumentò notevolmente. I paesi hanno iniziato a utilizzare fibre sintetiche alternative per i prodotti di seta tradizionali come paracadute e calze.

Negli ultimi 30 anni, la produzione mondiale di seta è raddoppiata. Il fascino e il fascino di questo straordinario tessuto di lusso continuano a crescere e ad essere apprezzati.

Torna a "Informazioni su seta e lana"

IT